La parola del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

femminicidio

25 novembre 2016
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: femminicidio

SILLABAZIONE: fem–mi–ni–cì–dio
femminicìdio / femminiˈtʃidjo/
[comp. di femmina e -cidio 2001]
s. m. (pl. -i o raro -ii)
uccisione o violenza compiuta nei confronti di una donna, spec. quando il fatto di essere donna costituisce l'elemento scatenante dell'azione criminosa
 DEFINIZIONI D'AUTORE
Molti si chiedono perché è stata necessaria l'introduzione di una nuova parola, femminicidio, per un crimine che alla fine è “un omicidio come un altro”. Semplicemente perché non è un omicidio come un altro. Dietro alla catena ininterrotta di donne uccise in quanto donne c'è un grande movente che va portato allo scoperto, un nemico che si annida in ogni tipo di cultura e società: è l'atteggiamento culturale dominante che considera una moglie, compagna, fidanzata, figlia, sorella – insomma una donna –, come “qualcosa” da possedere e non “qualcuno” con pari diritti e dignità. Se la parola non vi piace, inventatevi un altro neologismo, troviamo insieme un termine più aggraziato e pertinente. Ma non facciamo finta che il dramma non esista.
Serena Dandini

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.