La parola del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

malumore

2 gennaio 2017
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: malumore

SILLABAZIONE: ma–lu–mó–reSINONIMI
malumóre / maluˈmore/ o (lett.) mal umóre
[comp. di mal(o) e umore av. 1342]
s. m.
1 umore inquieto e irritabile: in un momento di malumore gli ho risposto male SIN. disappunto
2 (est.) rancore, discordia, malcontento: tra quei due c'è del malumore; seppe celare il malumore che lo colse (I. Svevo) | insoddisfazione, scontento: le misure fiscali hanno suscitato malumore in varie categorie
3 (med.) Umore dannoso proprio del malinconico
 SFUMATURE
malumore - malinconia - mestizia
Un umore irritabile, che porta a reagire con stizza per un nonnulla si chiama malumore. Malinconia si differenzia perché mette l'accento su emozioni più quiete e descrive uno stato di vaga tristezza, di nostalgia indefinita. Uno stato di tristezza profonda, di vero e proprio abbattimento spirituale che impedisce di essere sereni e trovare piacere nelle cose si chiama invece mestizia.
SFUMATURE malinconia

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.