La parola del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

stagnare

27 marzo 2017
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: stagnare

SILLABAZIONE: sta–gnà–re
stagnàre (1) / staɲˈɲare/
[lat. tardo stagnāre ‘saldare’, da stăgnum ‘stagno (1)’ sec. XIII]
v. tr. (coniug. come segnare)
1 rivestire con un sottile strato di stagno una superficie metallica | aggiustare, saldare con lo stagno: stagnare una pentola
2 (est.) chiudere recipienti, serbatoi e sim., in modo che il liquido in essi contenuto non fuoriesca: stagnare un barile


SILLABAZIONE: sta–gnà–re
stagnàre (2) / staɲˈɲare/
[lat. stagnāre, da stāgnum ‘stagno (2)’ (V. ristagnare (1)) sec. XIII]
A v. tr. (coniug. come segnare)
far cessare il flusso di un liquido: stagnare il flusso del sangue; stagnare il sangue di una ferita
B v. intr. (aus. avere)
1 fermarsi formando uno stagno, detto di acqua: l'acqua del fiume stagna nelle campagne | (est.) essere fermo, non circolare: nei luoghi chiusi l'aria stagna
2 (fig.) ridursi notevolmente d'intensità, detto spec. di attività economica: in questo periodo i commerci stagnano
C v. intr. (aus. avere) e (lett.) stagnàrsi v. intr. pron.
cessare di fluire: il sangue ha stagnato; le lacrime mi si stagnarono sulle ciglia (I. Nievo)

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.