La parola del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

emigrazione / migrazione

9 maggio 2017
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: emigrazione / migrazione

   

La parola del giorno di oggi è stata selezionata da Enrico Mentana. Clicca qui per leggere il suo commento.

 
SILLABAZIONE: e–mi–gra–zió–neSINONIMI
emigrazióne / emiɡratˈtsjone/
[vc. dotta, lat. tardo emigratiōne(m), da emigrātus ‘emigrato’ 1374]
s. f.
1 spostamento dai luoghi di origine e insediamento in altri territori per motivi di lavoro o di clima: la grande emigrazione italiana della fine dell'Ottocento | emigrazione selettiva, spostamento di popolazione che interessa solo determinate categorie
2 (est.) flusso di moneta verso mercati esteri: l'emigrazione dei capitali; emigrazione di valuta
3 insieme degli emigrati di una data nazionalità: l'emigrazione italiana in America
SFUMATURE migrazione


SILLABAZIONE: mi–gra–zió–ne
migrazióne / miɡratˈtsjone/
[vc. dotta, lat. migratiōne(m), da migrāre av. 1544]
s. f.
1 spostamento di popolazioni, tribù, gruppi sociali e sim. per un periodo molto lungo o in forma definitiva: le grandi migrazioni dei popoli antichi
2 (zool.) spostamento periodico di molte specie animali lungo gli stessi itinerari, per poi tornare al luogo di origine
3 (astron.) migrazione dei poli, piccolissime variazioni della posizione dei poli sulla sfera terrestre, corrispondenti a oscillazioni dell'asse di rotazione della Terra
4 (fis.) nell'elettrolisi, moto degli ioni verso gli elettrodi di segno contrario
 SFUMATURE
migrazione - emigrazione - esodo - diaspora
Migrazione è lo spostamento di interi popoli o gruppi sociali da un territorio a un altro, per periodi lunghi o per sempre; il termine trova applicazione anche in ambito zoologico, per definire il trasferimento stagionale di molte specie animali. L'emigrazione è invece lo spostamento di persone o famiglie dal proprio luogo d'origine a un altro dove sia possibile trovare lavoro e migliori condizioni di vita. Un abbandono in massa forzoso del luogo d'origine per sottrarsi a una catastrofe naturale o alla pressione del nemico si definisce invece esodo. Diaspora, come migrazione, descrive l'abbandono dei luoghi d'origine da parte di un intero popolo, il quale, tuttavia, non si dirige verso un unico luogo ma si disperde in molte direzioni (la diaspora degli Ebrei).

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.