La parola del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

amaro

18 settembre 2017
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: amaro

SILLABAZIONE: a–mà–ro SINONIMI
amàro / aˈmaro/
[lat. amāru(m), di etim. incerta av. 1250]
A agg.
1 che ha sapore contrario al dolce, caratteristico della china, dell'assenzio e sim.: bibita, mandorla amara; è amaro come il fiele, come il veleno | caffè amaro, senza zucchero
2 (fig.) che procura dispiacere, disappunto o dolore: un amaro rimprovero; un'amara sorpresa; un'amara soddisfazione | (est.) che manifesta tristezza e dolore: piangere amare lacrime | avere la bocca amara, sentire un sapore amaro; (fig.) rimanere delusi | mandare giù un boccone amaro, (fig.) sopportare un'offesa ingiusta, un torto o qlco. di spiacevole | (fig.) riso amaro, triste
|| amaraménte, avv. in modo doloroso e sconsolato
B s. m.
1 sapore amaro: l'amaro del rabarbaro; questa aranciata sa d'amaro
2 (enol.) alterazione di origine microbica dei vini vecchi da tempo imbottigliati
3 aperitivo o digestivo aromatico preparato con varie essenze e di gusto amarognolo
4 (fig.) amarezza, dolore, rancore | inghiottire, masticare amaro, subire un torto, un sopruso | avere dell'amaro in corpo, provare astio, rancore
|| amarétto, dim. (V.) | amarìccio, dim. | amarìno, dim.

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.