La parola del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

gallina

10 gennaio 2018
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: gallina

SILLABAZIONE: gal–lì–na
gallìna / ɡalˈlina/
[lat. gallīna(m), f. sost. dell'agg. di găllus ‘gallo (1)’, come regina da rēx ‘re’ 1260]
s. f.
1 femmina adulta del gallo, più piccola del maschio, con livrea a colori meno vivaci e coda più breve: gallina da uova, da carne | (fig.) la gallina dalle uova d'oro, fonte sicura e facile di guadagno cospicuo e ripetuto | PROV. gallina vecchia fa buon brodo, una cosa o una persona vecchia ha spesso maggior pregio; meglio un uovo oggi che una gallina domani, meglio un piccolo guadagno oggi che uno maggiore ma incerto domani; gallina che canta ha fatto l'uovo, chi per primo parla di qlco. dimostra di essere colpevole CFR. crocchiare, crocchiolare, cantare, schiamazzare
2 denominazione comune di alcune specie d'uccelli | gallina faraona, di Faraone, di Numidia, uccello dei Galliformi, grande come un pollo con testa e parte del collo nudi, piumaggio a macchie bianche e grigie, allevato per la carne (Numida meleagris) | gallina prataiola, uccello dei Galliformi, grande come un pollo, che vive, anche in Italia, nelle pianure erbose un po' aride (Otis tetrax) | gallina della Madonna, (pop., centr.) rondine | latte di gallina, frullato d'uova, latte e zucchero; (fig.) cibo prelibato e difficile a trovarsi | avere un cervello di gallina, (fam.) essere una gallina, di persona poco intelligente | (fig.) zampe di gallina, scrittura inintelligibile; piccole rughe attorno agli occhi | (fig.) andare a letto con le galline, molto presto, di prima sera | sentirsi venire la pelle di gallina, rabbrividire | (fig., tosc.) andare a gallina, andare in rovina, morire
|| gallinàccia, pegg. (V.) | gallinèlla, dim. (V.) | gallinétta, dim. | gallinóna, accr. | gallinóne, accr. m.

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.