La parola del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

cessare

9 febbraio 2018
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: cessare

SILLABAZIONE: ces–sà–re SINONIMI
cessàre / tʃesˈsare/
[lat. cessāre ‘indugiare, ritardare’, intens. di cēdere ‘cedere’ 1250 ca.]
A v. intr. (io cèsso; aus. essere nel sign. 1, avere nel sign. 2)
1 avere fine, termine: il brutto tempo è cessato; è un dolore che non cessa | cessi Dio che, non avvenga che: ma cessi Iddio che … noi qua entro ricevere vi vogliamo (G. Boccaccio)
2 interrompere un'attività commerciale: la società ha cessato
3 ritirarsi: prega / che da l'impresa cessi (T. Tasso) | (fig.) rinunciare: la Musica trae a sé li spiriti umani … sì che quasi cessano da ogni operazione (Dante)
4 indugiare
B v. tr.
1 porre fine a qlco., sospendere: cessare le ostilità | (milit.) cessate il fuoco!, comando dato per far smettere di sparare | anche nella loc. sost. m. inv. cessate il fuoco, tregua, sospensione dei combattimenti: rigoroso rispetto del cessate il fuoco | smettere (+ di seguito da inf.): cessare di parlare, di scrivere, di vivere; non cessava di farmi domande
2 allontanare, scansare
C cessàrsi v. rifl.
ritirarsi | astenersi

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.