La parola del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

protestare

26 aprile 2018
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: protestare

SILLABAZIONE: pro–te–stà–re SINONIMI
protestàre / protesˈtare/
[vc. dotta, lat. tardo protestāri ‘testimoniare, attestare, dichiarare pubblicamente’, comp. di prō ‘davanti’ (V. pro- (1)) e testāri ‘testimoniare, attestare’, da tĕstis ‘testimone’ (V. teste (1)) sec. XIII]
A v. tr. (io protèsto)
1 dichiarare, attestare, assicurare formalmente: protestare la propria gratitudine; uscì allora in parole di collera e di minaccia, protestando di non voler subire intimazioni (A. Fogazzaro)
2 (dir.) levare il protesto contro un titolo di credito: protestare una cambiale, un assegno bancario
B v. intr. (aus. avere)
dichiarare la propria contrarietà o disapprovazione, anche in modo pubblico e collettivo (+ per, + contro): protestare per i disagi subiti; protestare contro le ingiustizie
C protestàrsi v. rifl.
dichiararsi: protestarsi innocente, devotissimo ammiratore

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.