WordWatch

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Follow/Follower

20/10/2014
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

to follow: verbo transitivo

follower: sostantivo

to unfollow: verbo transitivo

unfollower: sostantivo

 

 

There are those who follow Jesus and those who do not.

My dad followed Arsenal for thirty years.

Have you been following the US election campaign?

 

Il verbo to follow, “seguire”, sia nel significato proprio che in quello figurato, è abbastanza noto. È proprio dal senso figurato di “seguire un leader politico o religioso”, “seguire le vicende o gli sviluppi di qualcosa” – si tratti della squadra del cuore o di un’elezione politica – che, dal 2006, questo umile verbo inglese ha acquistato un nuovo significato e un nuovo uso. Oggi, to follow someone su un sito di social network, per esempio su Twitter, significa semplicemente scegliere di visualizzarne i post. Si possono seguire amici, conoscenti o personaggi (più o meno) in vista: giornalisti, politici, cantanti, comici e persino il papa. Ed è così che si diventa loro follower:

 

To get up-to-date news follow us on Twitter.

The comedian has over a million followers on Instagram.

 

In inglese, questo nuovo senso di follower deriva sì dal concetto di seguire lo sviluppo o lo svolgimento di qualcosa, ma in esso è insito anche il significato di “seguace” che invece manca nell’uso italiano di follower nel contesto dei social media.

 

Naturalmente si può anche unfollow (o defollow) someone, verbi resi talvolta in italiano con “unfolloware” e “defolloware”e diventare quindi unfollower. Unfollow e unfollower sono parole coniate di recente in seguito allo sviluppo e all’espansione dei social media:

 

I already have an app for unfollowing people but I want to unfollow everyone all at once.

We use optional email or tweet notification to notify you about your unfollowers.

 

Sullo stesso filone possiamo trovare unfriend e defriend, di cui parleremo un’altra volta.

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.