WordWatch

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Twerk

20/04/2015
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

twerk: verbo intransitivo e transitivo

twerking: sostantivo

 

 Mizz Versatile, a 20-year-old Londoner, who scooped the UK twerking crown in London's Scala nightclub demonstrates how twerk like a professional.

And the girls gon twerk it Cause the vibe is poppin’…

The video is an extremely self-aware deconstruction of twerking as a trend.

Never have I ever seen a woman work and twerk her body the way Kelis did that night.

 

Twerk, nella rosa delle finaliste al titolo di ‘parola dell’anno’ 2013 dell’Oxford University Press (la vincitrice è stata selfie), era in circolazione molto tempo prima che Miley Cyrus lo lanciasse durante i suoi spettacoli facendone un fenomeno globale. Il termine cominciò ad essere usato negli anni ’90 per descrivere un tipo di danza energetica in cui, in posizione accosciata, si dimenano le natiche in modo provocante. Di solito sono le donne a eseguire il twerking, che affonda le radici nelle antiche danze africane. Come molte altre tendenze musicali e di danza, anche questa sembra abbia avuto origine nelle comunità afro-americane, quella di New Orleans nello specifico, ma guarda caso a sdoganarla è stata una ragazza bianca sempre nell’occhio dei mass media.

 

 Origini del termine

 

Pare ormai assodato che twerk derivi dall’espressione work it, col significato di fare qualcosa con energia, capacità ed entusiasmo. Twerk fa rima con jerk (scuotere), che descrive esattamente le movenze della danza. Non è chiaro da dove provenga la t iniziale, probabilmente dal twist, un altro ballo basato sul movimento delle anche, popolare negli anni ’60.

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.