WordWatch

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

earworm

15/06/2015
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

earworm: sostantivo numerabile

 

Scientists claim to have found a way to help anyone plagued by earworms – those annoying tunes that lodge themselves inside our heads and repeat on an endless loop.

Earworm attacks were more frequent – and lasted longer – for musicians and music lovers.

 

Chissà quante volte vi sarà capitato di avere un motivetto che vi frulla nella testa – che magari nemmeno vi piace – e di cui non riuscite a liberarvi? Non preoccupatevi, siete in buona compagnia: pare che il 98% della popolazione sia affetta da questi earworms, cioè i ‘tarli musicali’. Il nome azzeccatissimo ben descrive la natura insidiosa dell’earworm, che come un bachino vi entra nell’orecchio e si annida nel cervello finché un altro motivetto, altrettanto invadente, lo fa sloggiare. O, se siete fortunati, finché nella vostra testa ritorna a regnare il silenzio.

 

Origini del termine

 

Earworm viene dal tedesco Ohrwurm, ed è un calco, una tipologia di prestito linguistico. In inglese, altri esempi di calchi dal tedesco sono rainforest, homesickness e la parola loanword stessa (‘prestito linguistico’). Il termine earworm pare sia apparso per la prima volta in un romanzo di Desmond Bagley del 1978. Ma allora come li chiamavamo fino ad allora, questi fastidiosissimi ‘tarli’? Ah già, li chiamavamo ‘fastidiosi motivetti che ti si piazzano in testa e non ti lasciano in pace’. Allora ben venga la definizione tedesca, precisa e concisa.

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.