WordWatch

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Friend, Unfriend, Defriend

27/07/2015
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

to friend: verbo transitivo

to unfriend o to defriend: verbo transitivo

 

Is there a type of Facebook user you think people should avoid friending?

A few weeks ago, I re-friended a woman on Facebook.

We know from multiple studies that the number one reason for friending a brand is to receive special deals and promotions.

If you choose to unfriend someone, you'll be removed from that person's friends list as well.

Ever been unable to access a "friend's" profile page on Facebook? It's likely that they defriended you without you knowing.

 

Tanto tempo fa, prima che i social media entrassero di prepotenza nelle nostre vite, la parola friend indicava una persona a cui si è legati da vincoli d’amicizia. Poi arrivò Facebook e il sostantivo friend acquistò anche il significato di ‘persona a cui si è connessi attraverso un social network’; inoltre, si sviluppò un uso verbale del termine, to friend someone. Purtroppo a volte, si sa, ci si stufa di qualcuno… No problem, escludi gli indesiderati dalla tua vita online! Su Facebook c’è una funzione comodissima che ti permette di unfriend qualcuno in un batter d’occhio, o meglio, in un solo clic.

Ma qual è la forma preferita, unfriend o defriend? Nonostante defriend sia stata la ‘parola dell’anno 2009’ per l’Oxford Dictionary, su Facebook si usa unfriend, termine che tra l’altro dà il quadruplo di risultati su Google rispetto a defriend.

 

Origini del termine

 

In inglese, uno dei modi più comuni per creare nuovi significati è di partire da una parola esistente e cambiarne la funzione grammaticale. La trasformazione detta verbing si ha quando un sostantivo (oppure un'altra parte del discorso) diventa verbo, proprio come è successo a friend. Un- e de- sono classici prefissi della formazione dei contrari, per cui abbiamo unfriend e defriend. A proposito, forse vi sorprenderà sapere che il verbo unfriend ha qualche annetto sulle spalle in più di Facebook: fu usato dallo scrittore inglese Thomas Fuller nel XVII secolo.

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.