WordWatch

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Obv, obvi, obvs, soz, sry, srsly

10/08/2015
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

obv, obvi, obvs: obviously

soz, sry: sorry

srsly: seriously (abbreviazioni)

 

The training program is short, not the marathon, obvs … marathons are always the same length.

I wasn’t mad, but I was obv like wtf, but, oh well imo.

"soz bud cant make it" was one text.

Sry for my bad english, and sry for this long message.

It's no wonder they're in trouble. I mean srsly? Miley Cyrus, Jonas Brothers, Kanye West, Mariah?

 

Le abbreviazioni sono sempre esistite in inglese, naturalmente, ma negli ultimi anni c’è stato un costante proliferare di nuove abbreviazioni diverse. Tra i fattori che hanno contribuito al fenomeno ci sono senz’altro l’avvento degli sms prima e quello di Twitter poi, insieme al fatto che le comunicazioni online avvengono per lo più in forma scritta e che si cerca in tutti i modi di ridurre al minimo il tempo e la fatica (!) che digitare un testo comporta.

Uno dei processi più comune della formazione di nuove abbreviazioni in inglese è detto clipping, o accorciamento, in cui si abbreviano le parole eliminando la parte finale o, meno frequentemente, quella centrale o l’inizio. Obv e obvi sono esempi di final clipping, cioè di troncamento, mentre obvs e soz combinano il troncamento al suono z aggiunto alla fine.

Un altro modo comune di abbreviare le parole consiste nell’eliminare le vocali, come accade in sry e srsly. Quest’ultima abbreviazione pare essere in uso sin dal XVIII secolo, ma ha acquistato una nuova dimensione nelle comunicazioni online grazie alla sua comoda brevità.

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.