WordWatch

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

manspread; manspreading; manspreader

26/10/2015
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

to manspread – verbo transitivo e intransitivo

manspreading – sostantivo non numerabile

manspreader – sostantivo numerabile

Manspreading is rude, inappropriate and sometimes borders on sexual harassment.

Two men have been arrested for "manspreading" on the New York subway and the New York Times called it the "bane of many female subway riders".

It seems to me that an awful lot of the images of men manspreading are actually just pictures of men sitting down.

Now the men who comfortably spread their legs on trains leaving the rest of us squeezed in our seats have a new name: “manspreaders”.

Forse ricorderete che qualche tempo fa su questo blog abbiamo parlato del neologismo mansplaining, ovvero l’arte tutta maschile di spiegare o di parlare di qualcosa con aria di sufficienza, perché il parlante presume che l’interlocutore ne sappia meno di lui (anche quando è vero il contrario!).

Un altro termine di conio recente, sulla falsariga di mansplaining, è manspreading, cioè quello che fanno tanti uomini quando, sui mezzi pubblici, siedono in modo scomposto o a gambe larghe, occupando tutto lo spazio disponibile. I colpevoli del mansplaining sono stati additati al pubblico ludibrio attraverso campagne lanciate sui social network; le donne, in particolare, risentono maggiormente di questo atteggiamento maschile che le mette a disagio e rappresenta un’invasione dello spazio personale (un uomo corpulento che siede a gambe divaricate accanto a te ti obbliga a stringerti nel tuo posto, a meno di volersi trovare a stretto contatto con i coscioni del manspreader in questione). Da quest’estate, il manspreading è considerato reato sulle reti di trasporti pubblici di New York e di Seattle. Manspreader avvisato, mezzo salvato…

Origini del termine

Manspreading è una fusione di man e spread. Il termine è affiorato intorno al 2008 ed è diventato via via popolare uso in seguito alle campagne sui social e a quelle dei trasporti pubblici. Oggi è ancor più diffuso perché inserito nella versione aggiornata dell’Oxford Dictionary. Ovviamente il fenomeno è molto più vecchio del termine usato per definirlo.

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.