WordWatch

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

I vari nomi di San Nicola

21/12/2015
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Saint Nicholas/Saint Nick

Santa Claus/Santa

Kris Kringle

Father Christmas

 

Come mai l’allegro vecchietto vestito di rosso che alla vigilia di Natale porta i doni ai bimbi buoni è conosciuto sotto tanti nomi diversi?

La carità leggendaria di Saint Nicholas, il vescovo greco del IV secolo noto in Italia come San Nicola di Bari, e il fatto che lo si festeggia il 6 dicembre hanno contribuito ad associarne il nome ai doni invernali. Nei Paesi Bassi il santo è noto come Sinterklaas e distribuisce regali ai bambini in Olanda, Belgio e Francia settentrionale nel giorno della sua festa o la notte prima.

Sinterklaas arrivò in America con i coloni olandesi intorno alla fine del XVIII secolo o agli inizi del XIX e lì diventò Santa Claus, o semplicemente Santa.

In Europa, dopo la Riforma, a molti sembrò poco opportuno che un santo cattolico portasse doni ai bambini protestanti e il ruolo passò dunque a Gesù Bambino, Christkindl. Anche questo attraversò l’Atlantico e sotto il nome di Kris Kringle iniziò a distribuire regali la notte del 24 dicembre.

Il Protestantesimo ebbe un ruolo anche nell’evoluzione di Father Christmas, Babbo Natale, in Inghilterra. L’allegro vecchietto che porta tanta gioia a Natale risale al XV secolo, ma in seguito allo scisma dalla Chiesa cattolica sotto Enrico VIII i giorni di festa dedicati ai santi furono aboliti e tutte le celebrazioni legate all’inverno vennero concentrate intorno al Natale.

Oggi, con la riconciliazione di queste diverse tradizioni, i vari nomi di San Nicola servono a ricordarci le sue origini che affondano in un passato lontano. Merry Christmas! Buon Natale!

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.