WordWatch

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

mani-pedi

28/12/2015
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

mani-pedi – sostantivo numerabile

 

She gave me one of the best mani-pedis I’ve ever had.

I must get a mani-pedi before I head off on holiday.

If you’re a mani-pedi regular, you know how brittle and yellow those nails can get under all that glossy varnish.

 

Per oltre un secolo i termini manicure e pedicure seguirono ognuno il proprio corso (pedicure risale addirittura al 1784, mentre manicure al 1880. La domanda sorge spontanea: le signore inglesi del XIX secolo curavano solo i piedi? O forse per un centinaio d’anni la cura delle mani era chiamata pedicure per le mani??). Quando poi qualcuno ha avuto la brillante idea di offrire i due trattamenti igienico-estetici insieme, voilà l’espressione mani-pedi, parte della cultura del pampering (di cui parleremo in un altro post), cioè del coccolarsi, del viziarsi un po’ “Perché io valgo”, come recita un noto tormentone pubblicitario.

 

Origini del termine

 

Secondo l’Oxford Dictionary il termine mani-pedi –formato dall’abbreviazione di manicure e pedicure – fu usato per la prima volta dalla scrittrice filippina Kerima Polotan-Tuvera in un saggio del 1972 e la sua popolarità è andata crescendo nei decenni a seguire: cercando su Google si ottengono oltre 2 milioni e mezzo di risultati.

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.