WordWatch

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

driverless car

22/03/2016
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

driverless car/vehicle – sostantivo

self-driving car/vehicle – sostantivo

autonomous car/vehicle – sostantivo

 

The race to bring driverless cars to the masses is only just beginning, but already it is a fight for the ages.

The initiative will involve self-driving cars using about 31 miles (50km) of carefully selected highways in and around Gothenburg, including three tunnels.

The first fully autonomous vehicles aren't expected to be on the road until the end of the decade, at the earliest.

 

Gli automobilisti di Göteborg, in Svezia, potrebbero presto trovarsi a condividere la rete stradale con macchine i cui conducenti leggono, controllano le mail o usano il cellulare – tutto in maniera perfettamente legale. In collaborazione con il governo svedese, infatti, la Volvo ha avviato una sperimentazione che vede un centinaio di driverless vehicles sulle strade pubbliche; tale progetto s’inserisce nel quadro di quello che solo qualche anno fa sarebbe sembrato uno scenario fantascientifico. Un’auto a guida autonoma (driverless car o self-driving car o autonomous car) è in grado di riconoscere il percorso, la carreggiata ed eventuali ostacoli, nonché di gestire da sola l’erogazione del motore e quindi la velocità. Ma se treni o metropolitane driverless sono in circolazione da un pezzo, l’avvento dei veicoli stradali driverless comporta notevoli sfide: dagli aspetti legati alla cybersicurezza ai risvolti legali, per cui probabilmente passerà del tempo prima che la driverless car diventi comune sulle nostre strade.

 

Origini del termine

 

L’anno scorso abbiamo visto l’aggettivo contactless: driverless è costruito nello stesso modo, con il suffisso –less, che significa ‘mancante della cosa specificata’, cioè ‘senza’, e il sostantivo driver. Il prefisso self– è altrettanto produttivo e dà origine a una vasta gamma di composti, da self-absorbed a self-worth.

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.