WordWatch

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

gaslight

27/04/2016
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

gaslight – verbo transitivo

gaslighting – sostantivo

 

The fact that Rob is attempting to gaslight Helen into believing that she’s on the verge of a breakdown is beyond the pale.

 

Gaslighting is one of the most extreme, dangerous and effective forms of emotional and psychological abuse and is mostly carried out intentionally.

 

Are you in a gaslighting relationship? Here is how to tell.

 

Gli appassionati del serial radiofonico inglese The Archers (“una storia quotidiana di gente di campagna”, in onda dal 1951) sono stati scioccati dalla recente sceneggiatura che ha visto i tentativi messi in atto dal “cattivo”, tale Rob Titchener, per isolare e soggiogare la moglie, Helen. Al culmine del dramma, lei lo accoltella durante un furioso litigio. Non lo sapevo, ma il comportamento manipolatorio del personaggio maschile ha un nome: gaslighting, una forma di abuso riconosciuto e studiato da anni.

 

Origini del termine

 

Il termine gaslighting fa riferimento al film del 1944 Gaslight (noto in Italia col titolo Angoscia) con Ingrid Bergman e Charles Boyer. Dopo le nozze, il marito mette in atto il suo piano diabolico (ad esempio alterando le luci delle lampade a gas della casa) per cercare di convincere la giovane moglie di essere sull’orlo della pazzia, allo scopo di impossessarsi dei suoi beni. Il comportamento manipolatorio e il termine che lo identifica sono riconosciuti in psicologia sin dagli anni 1960, ma recenti avvenimenti, come l’inclusione nella soap opera inglese, hanno portato il fenomeno a conoscenza di un pubblico più vasto.

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.