WordWatch

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

mic drop

16/01/2017
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

mic drop – sostantivo

drop the mic – locuzione

You can’t do a mic drop, walk off stage and then come back and say just kidding.

A "mic drop" is the rap/comedy parallel to spiking a football. It says, "My performance was so definitive that there's nothing more to say.”

No mic drop in history will ever be as thoroughly scrutinised as the one performed by Barack Obama during his final White House correspondents’ dinner.

After singing “The Greatest Love of All,” Watson triumphantly shouts out, “Sexual Chocolate!” and drops the mic.

Al termine dell’ultimo discorso da presidente alla tradizionale cena per i corrispondenti della Casa Bianca, la scorsa primavera, Barack Obama si è congedato con quella che è diventata presto una chiusa virale: ha detto “Obama out”, si è messo due dita sulle labbra e ha lasciato cadere il microfono platealmente. Chissà quanti si saranno chiesti cosa volesse dire? Be’, il gesto accompagnato dalla frase significa: “Basta, passo e chiudo, sono stato insuperabile”. E il fatto che Obama sia appassionato di basket e abbia voluto così rendere omaggio a uno dei più grandi cestisti di sempre, Kobe Bryant, ritiratosi dallo sport due settimane prima con lo stesso gesto e le parole “Mamba out” (Bryant era soprannominato Black Mamba), è sfuggito a molti ma non a Robert J. Elisberg dell’Huffington Post.

Il mic drop si usa nell’ambiente dei rapper e in quello dei comici americani sin dagli anni ’80 come gesto a effetto con cui manifestare la convinzione che la propria prestazione – che si tratti di sport, di uno spettacolo o di un discorso – sia stata il non plus ultra: si rompe il microfono perché non servirà più.

Origini del termine

L’abbreviazione mic, pronunciato come mike, risale agli anni ’60 mentre mic drop agli ’80.

 

Traduzione di Loredana Riu

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.