WordWatch

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Tweetstorm

06/02/2017
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Tweetstorm – sostantivo

Tweetstorm – verbo

The primary argument against the Tweetstorm is that Twitter is designed for short bursts of sharing information or opinion.

Tweetstorms have been a subject of ridicule for a while now, and yet that doesn't stop people from cooking them up, eliciting groans every time.

You may never have a need to Tweetstorm.

Un Tweetstorm, da non confondere con Twitter storm, è una sequenza di tweet, spesso numerati, mandati da una sola persona in rapida successione su un argomento specifico oppure rivolti a qualcuno in particolare, che consente di aggirare il limite di 140 caratteri collegando esplicitamente la serie di tweet. Ma proprio questa è la critica principale che gli viene rivolta, il fatto di sovvertire ciò che caratterizza Twitter, ovvero la brevità obbligatoria: chi vuol pubblicare messaggi più lunghi lo faccia usando un formato diverso.

Nato come sostantivo, Tweetstorm può anche assumere funzione verbale (vedi terzo esempio dato) e si è classificato secondo, dietro al verbo to @ (ovvero ‘to reply on Twitter using the @ symbol’), come parola dell’anno 2016 nella categoria digitale, dell’American Dialect Society.

Origini del termine

L’imprenditore e informatico Marc Andreessen ha coniato Tweetstorm (e ne ha registrato il marchio) nel 2014, utilizzando poi la tecnica per inviare lunghe sequenze di tweet ai suoi follower. Il termine è composto da Tweet e storm; il secondo elemento ha connotazioni negative di violenza rabbiosa, un po’ come la parola composta shitstorm, per molti versi simile.

 

Traduzione di Loredana Riu

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.