WordWatch

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

sexting

23/07/2017
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

sexting – sostantivo non numerabile

sext – verbo intransitivo e transitivo

sext – sostantivo numerabile

 

Legal consequences aside, sexting is a dumb thing to do, especially for kids.

Last night I sexted a guy who I’m not even attracted to.

More than half of those polled had sexted, while almost a third had dated someone they met online.

She knew he was married but thought it was OK to sext.

Research has found no significant difference in gender regarding who sends sexts and who receives them.

 

Di recente, in seguito a una richiesta di documenti basata sul Freedom of Information Act, il sexting è tornato di prepotenza all’attenzione del pubblico. Si è scoperto infatti che dal 2013 in Inghilterra e in Galles ci sono stati oltre 4.000 casi di minorenni coinvolti nell’attività di scambio di messaggi e/o foto/video sessualmente espliciti, di solito tramite cellulare; e sebbene nella stragrande maggioranza si trattasse di adolescenti, in un caso il minore aveva 5 anni. Come in Italia, anche nel Regno Unito il possesso, la produzione, l'invio di materiale a sfondo sessuale sono considerati reato quando vedono coinvolti minori di 18 anni e tuttavia non c’è dubbio che il sexting rimanga per lo più un fenomeno sommerso.

Anche se il sexting può concretizzarsi nello scambio di messaggi a sfondo sessuale, sempre più spesso oggetto dell’invio sono foto o video espliciti, attività non confinata ai giovanissimi, visti gli scandali in cui sono stati coinvolti vari esponenti politici… Ma d’altronde, una volta premuto il tasto Invio, chi sa dove potrebbe andare a finire il contenuto?

 

Origini del termine

 

Sia sext sia sexting sono parole macedonia formate da sex e text nel primo caso e texting nel secondo, nate nel XXI secolo insieme agli smartphone e ad altri dispositivi mobili: l’ennesimo esempio del ruolo della tecnologia nella formazione di parole nuove.

Traduzione di Loredana Riu

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.