WordWatch

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Z-list

05/09/2017
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Z-list – sostantivo

Z-lister – sostantivo

 

My kids think I’m some kind of celebrity because they see me on TV. I tell them I’m on the Z-list.

Some people are prepared to do almost anything in order to become a Z-list celebrity.

No-one wants to see a bunch of Z-listers alternately flirting and slagging each other off.

 

C’erano una volta i divi: carismatici e distanti, sedevano nell’Olimpo del cinema, dello spettacolo e della musica… poi arrivarono gli anni ’60 e anche la fama divenne democratica. Oggi, l’era dei reality ha prodotto un nuovo tipo di celebrità legata all’esposizione mediatica dei protagonisti e non necessariamente al loro talento, confermando il principio dei quindici minuti di celebrità teorizzato da Andy Warhol.

Personaggi simili sono a volte definiti, con un pizzico di malignità, Z-listers, celebrità di serie Z, perché appartengono alla lista immaginaria detta Z-list. Se dunque gli A-listers sono star di prima grandezza e i B-listers stelle che brillano un po’ meno, i C- e i D-listers fanno fatica a emergere nel firmamento e i poveri Z-listers sono ai confini della galassia. Per i media affamati di ascolti e vendite, però, gli Z-listers sono una manna perché sono una fonte inesauribile (e a buon mercato) di gossip. Fino alla prossima infornata di aspiranti al titolo.

 

 

Origini del termine

 

L’espressione A-list nasce negli anni 1980 per definire le autentiche celebrità del mondo dello spettacolo sulla base di una lista ideale di personaggi imprescindibili perché un evento si possa definire importante. L’analogo D-list è stato diffuso dall’attrice comica americana Kathy Griffin a metà anni 2000 mentre Z-list è di creazione più recente.

 

Traduzione di Loredana Riu

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.