WordWatch

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Augmented reality

06/11/2017
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

augmented reality – sostantivo

AR – sostantivo

 

iOS is the world’s biggest platform for augmented reality.

The basic premise of AR is to overlay digital content on top of real things using something like a map, a camera, or sometimes the sky.

Some of the most exciting augmented-reality work is taking place in research labs at universities around the world.

In this list, we’ll take a look at the best AR apps and games for Android.

Facebook is working on a pair of augmented reality smartglasses that could superimpose virtual objects onto the real world.

 

D’accordo, non c’è molta gente che porta i Google glass dove abito io, e la Pokémon Go mania sembra essere passata, ma è fuor di dubbio che l’augmented reality, la realtà aumentata, sta pervadendo la nostra vita in modi meno eclatanti. Le app che ci consentono di visualizzare come starebbe un divano nel salotto di casa, prima di decidere se acquistarlo, o di vedere un’unità immobiliare prima ancora che sia stata costruita non saranno il massimo del glamour ma senz’altro ci semplificano la vita. Altre app sono dedicate all’aspetto ludico o di intrattenimento, dall’identificare le costellazioni a imparare a ballare o a scoprire come funziona il corpo umano.

La realtà aumentata, ovvero la tecnologia che sovrappone particolari virtuali all’immagine reale, integrandola e creando un unico ambiente, spalancherà le porte su orizzonti inimmaginabili, ci dicono. Per ora, se mi permette di evitare acquisti sbagliati o di perfezionare i passi di salsa tra le mura domestiche, non ho da lamentarmi.

 

Origini del termine

 

Augmented reality è un sostantivo composto dall’aggettivo augmented e dal sostantivo reality; mentre virtual reality è in circolazione dagli anni 1950, augmented reality è più recente: pare sia stato coniato negli anni 1990 dall’ex ricercatore della Boeing Thomas P Caudell.

 

Traduzione di Loredana Riu

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.