WordWatch

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

smombie

16/05/2018
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

smombie – sostantivo

smartphone zombie – sostantivo

distracted walking – sostantivo

 

Cyclists claim that they have to swerve out of the way of smombies twice or three times a day.

There is no doubt about it — we are in the midst of a smartphone zombie plague.

Honolulu became the first major U.S. city to pass legislation aimed at reducing injuries and deaths from distracted walking.

 

Un giorno mi è capitato di essere così concentrata sul mio telefonino che sono andata sbattere contro un albero, provocando l’ilarità di una signora lì vicino, proprio come nelle barzellette. A mia difesa dico subito che stavo camminando nel parco e non per strada, ma il dolore della botta in faccia mi è servito da ammonimento a non ripetere mai più una simile sciocchezza. Sono stata fortunata, al contrario di tanta gente che ha riportato gravi lesioni (e qualcuno ci ha anche rimesso la pelle) perché attraversava la strada con lo sguardo incollato al telefono, al punto che l’amministrazione di Honolulu, la capitale delle Hawaii, l’anno scorso ha vietato l’uso del telefono mentre si attraversa la strada, comminando sanzioni ai trasgressori. Dalla Germania è arrivata voce dell’introduzione di un nuovo cartello stradale di “pericolo: attraversamento smombies”, ma era solo uno scherzo di qualche buontempone.

 

Origini del termine

 

Smombie è una parola macedonia composta da smartphone e zombie. Il termine è entrato nell’inglese dal tedesco: in Germania nel 2015 il dizionario della Langenscheidt scelse smombie come ‘parola dell’anno nel linguaggio giovanile’. Da allora se n’è sentito parlare spesso anche se non ha mai veramente preso piede, in inglese. Il meno appariscente distracted walking nasce sulla falsariga di distracted driving, che è a sua volta il risultato dell’uso dello smartphone mentre si è alla guida.

 

Traduzione di Loredana Riu

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.