WordWatch

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

silo

21/06/2018
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

silo – sostantivo (plurale silos)

silo – verbo

In the world of management and IT jargon, silos exist only to be torn down.

The Silo Mentality is a mindset present when certain departments or sectors do not wish to share information with others.

The silo effect refers to getting “stuck” in a small group with restricted options and a limited vision of the future.

Universities are still very siloed in their operations - e.g. business vs. medicine, engineering vs. business, etc.

Il sostantivo silo ha due significati letterali: 1) costruzione, di solito a forma di torre cilindrica, per la conservazione di cereali, foraggio ecc. e 2) nel linguaggio militare, grande deposito sotterraneo per missili. Un silo metaforico è invece un modo di operare all’interno di sistemi chiusi, tra i quali ci sia scarsissima interazione. E in particolare, la presenza di silos in seno a un’azienda significa che dati, informazioni ecc. sono custoditi e gestiti da vari dipartimenti o unità organizzative i quali non vogliono o non sanno come condividerli con gli altri; ciò rappresenta molto spesso un ostacolo a efficienza e produttività.

La cosiddetta silo mentality costituisce un problema non solo nelle imprese ma anche, solo per fare un esempio, nella sanità, settore in cui la condivisione di informazioni può migliorare gli esiti per i pazienti e addirittura salvare vite umane.

Origini del termine

La metafora del silo è stata introdotta nel linguaggio della gestione aziendale alla fine degli anni 1980 da Phil S. Ensor, che coniò la locuzione functional silo syndrome per descrivere i problemi individuati nelle aziende presso le quali lavorava in veste di consulente. È probabile che Phil S. Ensor abbia preso ispirazione dai colossali silos per cereali che si trovano un po’ ovunque nell’Illinois, lo stato americano in cui era nato.

Traduzione di Loredana Riu

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.