Questa sera, su Rai5 ore 21:15, il Morandini vi consiglia: Noi credevamo


Noi credevamoIt.Fr. 2010GENERE: Stor. DURATA: 170′ VISIONE CONSIGLIATA: TCRITICA: 4 PUBBLICO: 3REGIA: Mario MartoneATTORI: Luigi Lo Cascio, Valerio Binasco, Francesca Inaudi, Renato Carpentieri, Toni Servillo, Luca Barbareschi, Luca Zingaretti, Anna Bonaiuto
Dopo la feroce repressione borbonica dei moti del 1828, 3 giovani del Cilento si affiliano alla mazziniana Giovine Italia. 4 episodi – “Salvatore 1828-32”, “Domenico 1852-55”, “Angelo 1856-58”, “L'alba della Nazione 1862-68” – corrispondono a momenti oscuri del Risorgimento, narrando 40 anni di vita dei 3 protagonisti e i loro drammi di rivoluzionari e cospiratori tra dignità morale e spirito di sacrificio, ansie ideali e disillusioni politiche, conflitti tra Nord e Sud, dalla Campania a Parigi, da Ginevra a Londra e ritorno. Scritto da Martone e Giancarlo De Cataldo, è un largo e ambizioso affresco sul Risorgimento visto dal di dentro. Incongrui e sottili (troppo) i riferimenti all'Italia del '900. La linea meridionalistica (Gramsci, Salvemini) e repubblicana è evidente. Ispirato al libro omonimo (1969) di Anna Banti è un'altra prova, quasi viscontiana, della sapiente congiunzione tra teatro e cinema sempre praticata dal napoletano Martone, palese anche nell'uso della musica di Verdi (Macbeth, Attila, Otello) e nel tema del tradimento – dai Savoia alla sinistra di Crispi – e in quello del settarismo utopistico e tormentato di Mazzini. In questa storia di una sconfitta storica, di classe e di speranza non manca la lezione di Rossellini su un cinema didattico ma realistico, che rievochi la storia per mostrare la strada da percorrere. Fotografia: Renato Berta. Scene: Emita Frigato. Costumi: Ursula Patzak. Premiato con un Nastro d'Argento a Martone.
AUTORE LETTERARIO: Anna Banti