Il film di oggi è: Pinocchio

Questa sera, su Canale 5 ore 21:20Il Morandini consiglia: 

Pinocchio (3)It. 2002GENERE: Fiab. DURATA: 100′ VISIONE CONSIGLIATA: RAG.CRITICA: 3 PUBBLICO: 4REGIA: Roberto BenigniATTORI: Roberto Benigni, Nicoletta Braschi, Carlo Giuffré, Mino Bellei, Peppe Barra, Franco Javarone, Max Cavallari, Bruno Rossi, Corrado Pani, Kim Rossi Stuart
Dal romanzo Le avventure di Pinocchio. Storia di un burattino (1881-83) di Carlo Collodi, sceneggiato da Vincenzo Cerami col regista. Da un pezzo di legno per catasta il falegname Geppetto trae un burattino che, dopo mirabolanti peripezie di terra e di mare, diventa un ragazzino perbene. Prodotto dalla Melampo (N. Braschi, Elda Ferri) per Cecchi Gori (poi Medusa), girato negli studi di Papigno (Terni) con 28 settimane di riprese, 8 mesi di preproduzione e 8 di postproduzione, costato 45 milioni di euro, prefinanziato dalla Miramax con l’esclusiva per i mercati stranieri, distribuito in Italia in 636 copie, è il film più costoso nella storia del cinema italiano. Tolte due frizzanti invenzioni – all’inizio (il tronco che rotola attraverso il paese: la sola sequenza veramente comica) e alla fine (l’ombra del burattino che si dissocia dal ragazzino perbene) –, il film di Benigni/Cerami è fedele al libro di Collodi. Omissioni (non poche) e ridondanze (troppo spazio alla Fata Turchina?) sono funzionali all’ottica di partenza: il duro racconto di un viaggio verso la vita reale. Si presta a diverse letture tra cui quella (F. La Polla) di un’autobiografia trasposta: Pinocchio è Benigni. In La vita è bella il comico toscano porta Pinocchio – e sé stesso – ad Auschwitz, ma non può mostrarne l’orrore. Posta la favola fuori dalla storia, Benigni punta sull’ipertrofia figurativa di ispirazione felliniana dove ha come mediatori Danilo Donati (scene, costumi) e Dante Spinotti (fotografia). Ultimo film di C. Pani.
AUTORE LETTERARIO: Carlo Collodi

PINOCCHIO – Scheda monografica