Il film di oggi è: The Iron Lady

Il Morandini consiglia:
The Iron LadyGBUSA 2011GENERE: Biogr. DURATA: 105′ VISIONE CONSIGLIATA: TCRITICA: 3 PUBBLICO: 3REGIA: Phyllida LloydATTORI: Meryl Streep, Jim Broadbent, Alexandra Roach, Richard E. Grant, Susan Brown, Iain Glen
Tris di donne per il bio-pic su Margaret Thatcher: la sceneggiatrice Abi Morgan (Shame), la regista Phillida Lloyd (Mamma mia!) e – vera ragione per vedere il film – la protagonista Meryl Streep (voce italiana di Maria Pia Di Meo) giustamente premiata con l’Oscar. All’inizio la si vede 86enne signora malvestita che, sfuggita alla sorveglianza, cammina un po’ curva in un supermarket. Subito dopo lo spettatore lo sa: Margaret Thatcher, nata Roberts nel 1925, figlia di un droghiere, che a capo del Partito Conservatore governò odiatissima dal 1979 al 1990, è in preda all’Alzheimer. Da giovane la impersona la Roach, bruttina e slavata, ma già consapevole del destino che si costruirà: diventare nel 1975 la prima donna capo del Partito Conservatore, ministro dell’Istruzione, la prima capo del governo del Regno Unito, rieletta 3 volte. Nel frattempo sposa un giovane imprenditore e mette al mondo 2 gemelli. Qui entra in scena la luminosa, energica Streep: impara a essere elegante, parlare in pubblico, combattere i sindacati, perseguire una rigida politica di liberismo interno (privatizzazioni, riduzione del welfare state) e all’estero antieuropeismo, ortodossia atlantica, presenza militare (la guerra delle Falkland, 1982), grazie alla quale viene rieletta. Sembra un po’ facile e demagogico stroncarlo, paragonandolo con J. Edgar, l’altro bio-pic di questa stagione.