Il film di oggi è: The Quiet American

Questa sera, su 7Gold ore 21:15Il Morandini consiglia:
The Quiet AmericanThe Quiet American (2)USA 2002GENERE: Dramm. DURATA: 100′ VISIONE CONSIGLIATA: GCRITICA: 3 PUBBLICO: 2REGIA: Phillip NoyceATTORI: Michael Caine, Brendan Fraser, Do Thi Hai Yen, Tzi Ma, Robert Stanton, Holmes Osborne, Rade Serbedzija
Dal romanzo Un americano tranquillo (1955) di Graham Greene, sceneggiato da Christopher Hampton e Robert Schenkkan. Saigon, 1952: i Vietminh di Ho Chi Minh continuano a menare duri colpi all’impero coloniale francese in Indocina. Più fedele a Greene del film (1958) di H.L. Mankiewicz, dove l’antiamericanismo del romanzo era ribaltato in anticomunismo. P. Noyce non vale Mankiewicz come regista, ma il suo film è tra i pochi che pongono l’antico quesito: il fine giustifica i mezzi? Complementare, e tragicamente attuale, il tema di chi si ritiene innocente del male che fa perché sicuro di agire nel nome del Bene e della Verità. Non c’è nessun innocente, invece, tra i personaggi di Greene, nemmeno la dolce Fuong. Li distingue soltanto un diverso grado di consapevolezza. A suo agio con l’azione, Noyce rende con efficacia la carneficina di Place Garniere a Saigon (episodio storico) dove i nodi vengono al pettine. Lì affiora un 3° tema: “Prima o poi si deve prendere partito, se si intende rimanere umani”. Emerge su tutti, nella parte di Fowler, l’interpretazione di M. Caine (voce di Adalberto M. Merli).
AUTORE LETTERARIO: Graham Greene