La parola di oggi è: oblio

o–bli–o
oblı̀o 🔊 / oˈblio / o lett. obblı̀o
[ da obliare col suff. -io 1 av. 1250 ]

s. m. (pl. -ii)
1

❖ lett. totale dimenticanza: un dolce oblio che cancelli le tristi memorie;  involve / tutte cose l’obblio nella sua notte (U. Foscolo)

● 

cadere nell’oblio, essere dimenticato

● 

mettere, porre nell’oblio, dimenticare o far dimenticare

● 

sepolto nell’oblio, non più ricordato

● 

sottrarre all’oblio, richiamare alla memoria

● 

il fiume dell’oblio, il Lete, le cui acque cancellavano ogni ricordo in chi vi si immergeva

2
● 

dir. diritto all’oblio, principio giuridico che riconosce a ciascuno il diritto di non essere ricordato pubblicamente per fatti non più attuali di cui è stato protagonista o per malattie che lo hanno colpito

● 

oblio oncologico, diritto delle persone guarite da una patologia oncologica di non fornire informazioni in merito alla propria pregressa patologia