L'album della settimana

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Deep Purple | Made In Japan (1972)

06/09/2013
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Nati nella seconda metà degli anni 60 per volontà del chitarrista Ritchie Blackmore (1945) e del tastierista Jon Lord (1941-2012) con l'intento di fondere Beat e musica classica, i Deep Purple cambiano più volte formula e formazione, ottenendo il vero successo tra il 70 e il '76, quando si affermano come capisaldi dell'Hard Rock mondiale. La reunion del Mark II (che dura dieci anni) ne rinnova la fama, ma i continui litigi tra Blackmore e il cantante Ian Gillan (1945) proseguono fino ai primi anni 90, quando il chitarrista abbandona per sempre la sua creatura. Ma oramai Deep Purple è un marchio che sopravvive e prospera, con una straordinaria densità di tour e produzioni discografiche, indipendentemente dai musicisti che vi suonano. Innumerevoli i capitoli su CD e DVD che documentano la loro inesausta avventura professionale.

 

Made In Japan
Purple, 1972 – 2 LP live – ★★★★

Il loro capolavoro assoluto e uno degli album-manifesto dell'Hard Rock. È la testimonianza di una serie di vibranti concerti giapponesi in cui tutti i brani più vitali e meritevoli diventano lunghe cavalcate di rovente Hard Blues. La dimensione live è quella ideale per un gruppo che fa della potenza e dell'aggressività la sua arma migliore: la conclusiva Space Truckin' occupa tutta una facciata, ma sono le performance di Smoke On The Water, Child In Time e Highway Star quelle destinate a surclassare le omologhe versioni in studio e a testimoniare le vette espressive raggiunte specialmente da Gillan e Blackmore. Del 1998 la rimasterizzazione in un doppio CD con 22 minuti di musica in più (tra cui una stravolta rilettura di Lucille).

 

Canzone: Highway Star

Nobody gonna take my head
I got speed inside my brain
Nobody gonna steal my head
Now that I'm on the road again
Oooh I'm in heaven again I've got everything
Like a moving ground an open road
And everything

 

Piattaforma Spotify

Piattaforma Grooveshark

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.