L'album della settimana

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Beatles | Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band (1967)

07/03/2014
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Il gruppo musicale più famoso della storia: partiti dalla natia Liverpool, svezzatisi nel locali di Amburgo, dal 1962 John Lennon, Paul McCartney, George Harrison e Ringo Starr non conoscono rivali, in quanto a trionfi e fama. Per essere classificata si conia il termine di Beatlemania, trasversale per età, razza, tempi e luoghi. Dopo l'apprendistato alla Star Club, nella città tedesca, e al Cavern di Liverpool, spiccheranno il volo grazie all'intuito e successivamente alla cura di George Martin, che procura loro un ingaggio, dopo vari rifiuti ricevuti. All'attivo, oltre tutti i possibili record di vendita e di presenza nelle classifiche di mezzo mondo, anche due film per la regia di Richard Lester, ‘A Hard Day's Night’ (1964) e ‘Help’ (1965), un film per la TV, ‘Magical Mystery Tour’ (1967), un cartone animato ‘The Yellow Submarine’ (1968), un documentario-concerto, ‘Let It Be’ (1970). Dal 1968, anno di fondazione della Apple – etichetta e attività imprenditoriale a largo raggio, con diversi rami di intervento, compresa una boutique a Londra –, gestiscono in proprio la produzione discografica, compresi i titoli solisti: il primo a iniziare sarà George Harrison (Wonderwall, 1968). I due Beatles sopravvissuti, Paul e Ringo, devono il successo e il mito che tuttora li accompagna soprattutto alla gloria e alla memoria dei magici Sixties.

 

Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band
Parlophone, 1967 – 

Il capolavoro assoluto di una discografia stellare: ogni dettaglio, ogni canzone, godono del tocco di genio, dalla copertina alle sonorità che vanno individuate e passate in rassegna ancora meglio nella versione speciale in CD edita per il venticinquennale. L'album è un crocevia di simboli e di invenzioni per una concentrazione che non troviamo in nessun'altra opera della cultura Pop-Rock. Anche per George Martin, come sempre nelle vesti di produttore, è il punto più alto. Le composizioni anticipano magistralmente i tempi, con arrangiamenti e metafore sonore che insegneranno a tutti, negli anni a venire. Occhi e orecchie spalancati per A Day In The Life, viaggio nell'infinito, in pochi minuti.

 

Canzone: A Day In The Life

I read the news today oh, boy
About a lucky man who made the grade
And though the news was rather sad
Well, I just had to laugh
I saw the photograph
He blew his mind out in a car
He didn't notice that the lights had changed
A crowd of people stood and stared
They'd seen his face before
Nobody was really sure if he was from the house of lords

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.