L'album della settimana

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Litfiba | 17 re (1986)

02/05/2014
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Piero Pelù (1962) possiede doti da trascinatore e voce da condottiero, mentre Ghigo Renzulli (1953) gli fa da contraltare con poca presenza ma molta efficacia nel maneggiare la chitarra elettrica: insieme scrivono tutto il materiale della band. Dopo una separazione di una decina d'anni e dure polemiche incrociate, i due protagonisti tornano insieme e nel gennaio 2012 fanno uscire ‘Cervelli in fuga – Europa live 2011’, film documentario del tour europeo. La storia è ricominciata.

 

17 re
IRA, 1986 – 2 LP – ★★★★

Cresciuto nella fertile scena indipendente dei primi 80, il gruppo fiorentino riassume e supera in questo doppio album (che si può considerare il capolavoro dei Litfiba) tutta la tensione creativa sviluppata negli anni di militanza underground. Nello scrigno di 17 re c'è spazio per liquidità, impressionismi e suggestioni psichedeliche, per le elettriche lancinanti di Ghigo come pure per i timbri delle tastiere di Aiazzi e la teatralità vocale di Pelù. Una dialettica forte, aperta, che genera alcune delle canzoni più belle dei Litfiba: Re del silenzio, Gira nel mio cerchio, Apapaia... La produzione del disco è nuovamente nelle mani di Alberto Pirelli, uomo-chiave per l'evoluzione musicale della scena italiana del momento. È la seconda parte della cosiddetta “trilogia del potere”.

 

Canzone: Re del silenzio

Tutto è  lontano
La gioia e la malinconia
E ogni pensiero non ha più peso dell' aria
Che si confonde in me
Quando tutto è qui, quando tutto è fermo
Non chiedo pietà, chiedo di lasciare che tutto passi
Perché non so più amare!

 

Piattaforma Spotify


Piattaforma Grooveshark

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.