L'album della settimana

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Caparezza | Museica (2014)

05/12/2014
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Al Festival di Sanremo 1997 partecipa tra le giovani proposte con il brano E la notte se ne va con il nome di MikiMix. Con questo nome pubblica Tengo duro (Sony, 1996) e La mia buona stella (1997). Dimenticabili. In cerca di una nuova identità fa uscire alcuni demo: Ricomincio da Capa (1998), Zappa (1999), Con Caparezza nella monnezza (2000). Infine, Michele Salvemini da Molfetta (1973) adotta il nome Caparezza. La sua proposta riesce a raggiungere il maggior coinvolgimento nei fragorosi concerti spettacolo dal vivo. Grazie alla sua verve proverbiale fa capolino con un divertente intermezzo musicale anche nel film di Checco Zalone, record italiano di incassi, ‘Che bella giornata’ (2011).

 

Museica
Universal, 2014 – ★★★
Solo lui poteva mettere insieme Casa Pound e Scientology, Che Guevara e Pussy Riot, nella travolgente ‘babele’ sonora di Avrai ragione tu. L'idea è quella di entrare in un museo e assegnare musica e liriche ai colori delle tele di Van Gogh, Giotto, Goya, Fontana, Ligabue, Dalì e altri. Affiora il mondo epico e infernale di Dante e di Filippo Argenti (Argenti vivi), l'ironia macabra (Compro Horror), la burlesca espressione dei dadaisti come Duchamp (Comunque Dada). Canzoni come scatole cinesi, testi che assomigliano a matrioske, capaci di aprire nuovi spiragli a ogni ascolto. Disco dopo disco Caparezza forgia quella che è già, o potrà essere, la migliore realtà italiana del teatro-canzone d'autore. Ospite Michael Franti.

 

Canzone: Avrai ragione tu

Vengono a prendermi, sono come i solleciti!
Hanno sconfitto Napoleone, capite
Hanno sconfitto Hitler, e a me?
Dicono che
Devo calmarmi e respirare un po' di più

 

Piattaforma Spotify

 

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.