Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Il terrorista

2 dicembre 2013
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Questa sera, su RaiStoria ore 22:15, il Morandini vi consiglia: Il terrorista


Il terroristaIt.-Fr. 1963GENERE: Dramm. DURATA: 100′ FOTOGRAFIA: BN VISIONE CONSIGLIATA: TCRITICA: 3 PUBBLICO: 2REGIA: Gianfranco De BosioATTORI: Gian Maria Volonté, Philippe Leroy, Giulio Bosetti, Anouk Aimée, Tino Carraro, Carlo Bagno, Carlo Cabrini, Raffaella Carrà
A Venezia, verso la fine del '43, Renato Braschi (Volonté) e un gruppo di partigiani compiono atti di sabotaggio contro i tedeschi. Sotto la vernice di un film d'azione è un dibattito politico ed etico, un'analisi storica delle varie forze che, tra contraddizioni e attriti, si coagularono nel Comitato di Liberazione Nazionale nella lotta antifascista durante la Resistenza. De Bosio e il suo sceneggiatore Luigi Squarzina sono riusciti a calare idee e conflitti nei personaggi, in un dialogo che diventa traino dell'azione drammatica. Venezia come teatro di un film della Resistenza (cioè di un racconto d'azione) è una scelta stilistica prima che storica. Così scabra e indifferente sotto la pioggia, di un grigiore nebbioso che la spoglia di seduzioni mediterranee, acquista un fascino quasi fantomatico, da acquario. Tra gli interpreti fa spicco un Volonté trentenne, non ancora famoso, ma già generosamente impegnato e incisivo. Piccole parti per l'editore Neri Pozza e Raffaella Carrà. Prodotto da Tullio Kezich e Alberto Soffientini.


Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.