Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

La pecora nera ²

21 gennaio 2014
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Questa sera, su Rai5 ore 21:20, il Morandini vi consiglia: La pecora nera ²

La pecora nera (2)It. 2010GENERE: Comm. dramm. DURATA: 93′ VISIONE CONSIGLIATA: TCRITICA: 3,5 PUBBLICO: 2REGIA: Ascanio CelestiniATTORI: Ascanio Celestini, Giorgio Tirabassi, Luigi Fedele, Maya Sansa, Luisa De Santis, Nicola Rignanese, Barbara Valmorin
Viene da lontano. Dopo 3 anni di ricerche e interviste in 8 manicomi del Centro-Nord (da Roma a Udine) nell'ottobre 2005 va in scena La pecora nera. Elogio funebre del manicomio elettrico, che nel 2006 diventa un libro (+ DVD). Nel 2008, con Ugo Chiti e Wilma Labate, il cantastorie Celestini comincia a scrivere la sceneggiatura. Prodotto da Madeleine con Rai Cinema, girato in 10 settimane, in concorso alla 67ª Mostra di Venezia. È un film matto, cioè “diverso”, una storia di matti imperniata su Nicola, da 35 anni in manicomio, in un mondo non tanto dissimile da quello di fuori. C'è dentro una bizzarra storia d'amore che, da ragazzino, Nicola ha con la compagna di scuola Marinella e che, non più condivisa, riprende da adulto con l'incantevole Sansa che puzza di caffè. Ci sono anche Tirabassi, ossessionato dal sesso, e 2 vecchie (la nonna Valmorin e la suora De Santis). 3 personaggi da ricordare. È un film evocativo più che descrittivo, puntiglioso nello smorzare i momenti più emotivi, così ellittico da diventare incompleto e da esigere spettatori intelligenti e sensibili. Distribuisce la benemerita BIM.


Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.