Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Piazza Garibaldi

14 marzo 2014
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Questa sera, su Rai5 ore 21:15, il Morandini vi consiglia: Piazza Garibaldi


Piazza GaribaldiIt. 2011GENERE: Doc. DURATA: 100′ VISIONE CONSIGLIATA: TCRITICA: 3,5 PUBBLICO: 2REGIA: Davide Ferrario
Prodotto, scritto (con Giorgio Mastrorocco, da un'idea di Marco Belpoliti) e diretto dal cremonese Ferrario, è un pungente film anticelebrativo, un viaggio da Bergamo a Marsala – attraverso la storia e la geografia – che ricalca il percorso dei Mille garibaldini. Definito un grido d'allarme: in Italia nascono sempre meno bambini, nel 2050 il 60% della popolazione non avrà più fratelli, sorelle, cugini o zii. Queste previsioni a lungo termine non convincono: l'andamento demografico nasconde troppe incognite. Sono assai più credibili le disincantate, amare, persino crudeli testimonianze sul passato. Nel 1961, quando si festeggiò il 1° centenario dell'Unità, chi poteva prevedere lo sfascio dell'Italia del 2000? Come ricorda il poeta Umberto Saba con la voce di Marco Paolini – la storia della nazione nasce da un fratricidio, non da un parricidio. Ascoltando, dal Parlamento Subalpino di Torino in poi, quel che hanno scritto Leopardi, Savinio, Bianciardi e altri, si è costretti, magari a malincuore, a condividere con Ferrario il pensiero che quel fratricidio sia ancora in funzione. Le musiche di Verdi fanno da controcanto drammatico all'Italia dell'800 e culminano nella Traviata. Viviamo in un paese traviato.


Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.