Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Arca russa

24 giugno 2014
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Questa sera, su Rai5 ore 21:20, il Morandini vi consiglia: Arca russa


Arca russaRusski Kovcheg - Russian ArkRuss.-Germ. 2002GENERE: Fant. DURATA: 96′ VISIONE CONSIGLIATA: TCRITICA: 4 PUBBLICO: 2REGIA: Aleksandr SokurovATTORI: Sergey Dreiden, Maria Kuznetsova
Invisibile, un regista di oggi si ritrova, come per magia, all'interno dell'Ermitage, nella San Pietroburgo del Settecento. In compagnia di un diplomatico francese dell'Ottocento, compie un viaggio nel tempo, dall'epoca di Pietro il Grande e dell'imperatrice Caterina a quella degli zar Nicola I e Nicola II, sino ai giorni nostri. Il racconto si svolge in un'unica sequenza ininterrotta “come se fosse un solo respiro” (Sokurov), grazie a una speciale videocamera digitale portatile ad alta definizione, su un labirintico percorso di 1300 m attraverso 33 set illuminati. Dopo mesi di prove, 867 attori, 3 orchestre, 22 assistenti alla regia e la troupe tecnica russo-tedesca sono entrati in scena tutti insieme per un'ora e mezzo. Il direttore della fotografia e operatore alla steadycam è il tedesco Tilman Büttner, premiato per Lola corre. Nessuno aveva mai fatto nulla di simile prima, ma a che cosa approda questa prodezza tecnico-formale? tentativo di penetrare nel fluire del tempo? meditazione sul “tempo storico” che non può morire? testimonianza poetica sul filo di una rêverie nostalgica, sulla fine di un'epoca? Forse la risposta si trova nello straordinario finale: il vento che soffia attraverso i saloni dell'Ermitage si spegne nel buio minaccioso della notte fredda, a pochi passi dalle acque della Neva. Il 13° lungometraggio di Sokurov è un film di fantasmi ideato e realizzato da un cineasta che cerca la dimensione del sacro nell'umano e per il quale il cinema non è il riflesso della realtà: la reinventa al di là dello specchio.


Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.