Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

I giochi dei grandi

21 novembre 2014
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Questa sera, su Laeffe ore 21:10, il Morandini vi consiglia: I giochi dei grandi

I giochi dei grandiWe Don't Live Here AnymoreUSA-Can. 2004GENERE: Dramm. DURATA: 105′ VISIONE CONSIGLIATA: TCRITICA: 2,5 PUBBLICO: 2REGIA: John CurranATTORI: Mark Ruffalo, Laura Dern, Peter Krause, Naomi Watts, Sam Charles, Haili Page, Jennifer Bishop
Scritto da Larry Gross, da 2 racconti di Andre Dubus. Docenti nel college di una piccola città universitaria, Jack e Hank sono buoni amici e amiche intime sono le rispettive mogli Terry ed Edith, casalinghe attente alla casa e alle relazioni mondane, poco ai figli. Scrittore frustrato, Hank tradisce spesso con studentesse di piccola virtù Edith, che lo ricambia con Jack. Per rappresaglia Terry commette adulterio con Hank. Dopo il pluripremiato Praise (1998, inedito in Italia), è la 2ª regia di Curran alle prese con una sceneggiatura scritta vent'anni prima. Che c'è all'origine della storia? Un dato statistico: negli USA più della metà dei matrimoni finiscono con un divorzio. C'è il malessere sociopsicologico che nell'Occidente affligge soprattutto la generazione tra i trenta e i quarant'anni. Gross segue la lezione di J. Renoir che, quando fece La regola del gioco, dichiarò: “Nella vita ciascuno ha le proprie ragioni”. Non è una gran scoperta, ma per i narratori (letteratura, cinema, ecc.) implica comprensione e compassione per i personaggi. Nel film, in bilico tra pathos e umorismo nell'analisi della condizione matrimoniale, si sentono, ma in modi riduttivi. Girato nella primavera 2003 a Vancouver (British Columbia).
AUTORE LETTERARIO: Andre Dubus


Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.