Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

La chiave di Sara

21 marzo 2015
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Il film di oggi è: La chiave di Sara

Questa sera su La7 ore 21:10 Il Morandini consiglia:
La chiave di SaraElle s'appelait SarahFr. 2010GENERE: Dramm. DURATA: 111′ VISIONE CONSIGLIATA: RAG.CRITICA: 3 PUBBLICO: 3REGIA: Gilles Paquet-BrennerATTORI: Kristin Scott Thomas, Mélusine Mayance, Niels Arestrup, Aidan Quinn, Frédéric Pierrot, Michel Duchaussoy, Charlotte Poutrel
Nel 2010 uscì Vento di primavera, basato su un episodio storico poco noto: il 16 luglio 1942, su ordine dei tedeschi occupanti, la polizia francese arresta a Parigi 13 151 ebrei, poi deportati nei lager. A guerra finita ne sopravvissero 25. Le autorità francesi distrussero ogni traccia scritta e fotografica del vergognoso evento. Questo 6° film di Paquet-Brenner (tratto da un best seller di Tatiana De Rosnay, che in USA ha venduto un milione di copie, sceneggiato con Serge Joncour) si rifà allo stesso episodio storico. Peccato che sia come diviso in 2 film, di impari valore. L'uno fa perno sulla piccola Sarah Starzynski, un'intrepida bambina ebrea di 10 anni, indimenticabile anche per merito della sua interprete (Mayance), notevole pure a livello stilistico (si sente che il regista è, in quanto ebreo, coinvolto personalmente). L'altro film fa capo, invece, a una curiosa e appassionata giornalista USA (Scott Thomas) che da 20 anni vive in Francia e, in crisi coniugale, rifiuta di occupare l'appartamento, ristrutturato dal marito architetto, dove aveva abitato la famiglia di Sarah. Uno dei temi del film è che i sopravvissuti devono imparare a convivere con i morti. Emergono i limiti del romanzo, ma non mancano – oltre alla sobria e intensa recitazione della Scott Thomas – i passaggi emozionanti: la visita al Memoriale della Shoah e la dolorosa fine di Sarah adulta (Poutrel).
AUTORE LETTERARIO: Tatiana De Rosnay

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.