Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

La nave dolce

14 agosto 2015
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Il film di oggi è: La nave dolce

Questa sera, su Rai5 ore 21:15Il Morandini consiglia:
La nave dolceIt.-Alb. 2012GENERE: Doc. DURATA: 117′ VISIONE CONSIGLIATA: GCRITICA: 3 PUBBLICO: 2REGIA: Daniele Vicari
L'8 agosto 1991 la “Vlora”, vecchia nave da carico albanese, arriva nel porto di Bari, brulicante di 20.000 albanesi, donne e bambini compresi. Il giorno prima, di ritorno da Cuba, era arrivata al porto di Durazzo carica di zucchero ed era stata presa d'assalto. Quell'8 agosto “segnò l'avvio di una rivoluzione socioculturale di proporzioni fino ad allora inimmaginabili” (D. Vicari). C'è qualcosa di irreale e assurdo in una fuga da quella che fu la peggiore, più odiosa e xenofoba repubblica popolare socialista d'Europa. E per migliaia di albanesi, incoscienti o ignoranti, l'Italia era nel 1991 un sogno visto sui teleschermi. Nonostante l'abbondanza del materiale d'archivio, non era facile fare un film che raccontasse l'arrembaggio alla “Vlora” a Durazzo; il viaggio verso Brindisi poi prolungato a Bari; i migranti più giovani e robusti che si lanciano in mare per raggiungere a nuoto la terraferma; il trasferimento e i giorni terribili passati nello stadio vicino; le rivolte violente dei gruppi più cinici e organizzati contro le forze dell'ordine; il rientro forzato in Albania. È inevitabile infine il confronto tra il comportamento tutto sommato civile di poliziotti, carabinieri, soldati in una situazione terribile (si era ai tempi del 7° governo Andreotti) e quello messo in opera a Genova 10 anni dopo, nel luglio 2001, con la destra berlusconiana al governo, nell'Italia del malaffare e della miseria morale.

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.