Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

La tigre e il dragone

7 aprile 2016
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Il film di oggi è: La tigre e il dragone

Questa sera, su Cielo ore 21:15Il Morandini consiglia:

La tigre e il dragoneCrouching Tiger, Hidden DragonCina-USA 2000GENERE: Fant. DURATA: 119′ VISIONE CONSIGLIATA: RAG.CRITICA: 3,5 PUBBLICO: 4REGIA: Ang LeeATTORI: Chow Yun-Fat, Michelle Yeoh, Zhang Ziyi, Chang Chen, Sihung Lung, Chang Pei-Pei, Gao Xian
Il 4°dei 5 volumi di un romanzo-fiume di Wang Du Lu, pubblicato nel primo '900, imperniato su un'antica spada (Destino Verde), è fondato sui principi mistici del Tao e su quelli pratici di Confucio. Sceneggiato dall'americano James Schamus, è la fonte di una favola di onore e amori celati, ambientata al tempo della dinastia Ching (a cavallo tra '700 e '800), che coinvolge un imbattibile monaco guerriero stanco di uccidere, una saggia guerriera di lui segretamente innamorata, un bandito cavalleresco del deserto, una giovinetta aristocratica e ribelle dalla doppia vita come la sua cattiva maestra (Volpe di Giada), assassina per odio dei potenti. Ciascuno ha il suo lato nascosto. Personaggi – soprattutto femminili – che combattono, amano, volano. Dopo 6 film a Hollywood, Ang Lee torna in Cina con un film ariostesco dove per la 1ª volta tenta un mix di generi e di toni (fiaba, avventure, kung-fu, wu-xian, farsa, commedia, specialmente melodramma e un prolisso flashback da western desertico). Vi contamina due culture, acrobazie ginniche orientali e tecnologia digitale occidentale, dinamismo dell'azione e dialoghi sentenziosi, corpi saettanti che duellano in volo e intervalli psicologici dove s'intrecciano valori e disvalori dell'agire umano, grafica iperbolica dei duelli (coreografia di Yuen Wo-ping di Matrix) e paesaggi idillici. I debiti con i maestri del cinema di Hong Kong (Tsui Hark, King Hu) sono tanti, ma in Occidente soltanto pochi e felici spettatori possono riconoscerli. Ottimo antidoto, costato solo 12 milioni di dollari, contro il rozzo infantilismo dei blockbuster hollywoodiani e ultimo frutto della globalizzazione audiovisiva. 2 Globi d'oro (miglior film straniero, regia). 4 Oscar: miglior film straniero, colonna sonora originale (Zan Dun), scenografia (Tim Yip), fotografia.
AUTORE LETTERARIO: Wang Du Lu

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.