Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Il giovane favoloso

13 gennaio 2017
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Il film di oggi è: Il giovane favoloso

Questa sera, su Rai3 ore 21:15Il Morandini consiglia: 
Il giovane favolosoIt. 2014GENERE: Biogr. DURATA: 137′ VISIONE CONSIGLIATA: TCRITICA: 4 PUBBLICO: 3REGIA: Mario MartoneATTORI: Elio Germano, Michele Riondino, Massimo Popolizio, Anna Mouglalis, Valerio Binasco, Raffaella Giordano
Leopardi dal carcere-biblioteca di Recanati, dove resta prigioniero fino ai 24 anni di una madre algida e di un padre amorevolmente opprimente, al carcere liberale di Firenze, prigioniero fino ai 35 anni di letterati boriosi e di falsi amori, al carcere-carosello di Napoli, dove attua la sua discesa agli inferi per poi risalire alla doppia rivelazione del Vesuvio e del firmamento, per evadere finalmente a 39 anni. Tentativo di rappresentare in immagini la sua vita attraverso la poesia filosofica e la poesia filosofica attraverso la sua vita. Leopardi è “il giovane favoloso” (definizione della scrittrice Anna Maria Ortese) proprio perché in lui umanità e poesia coincidono. La 1ª parte, che raggiunge il suo vertice nella visione/creazione di “Alla Luna”, è da sindrome di Stendhal, incanta ed emoziona fino ai brividi. Nella sezione centrale il calo della tensione poetica spoglia di significato scene e costumi, scivolando nella pomposità e declassando il film a documentario, seppur di alto livello. Il finale, a Torre del Greco, riconquista le vette della 1ª parte. Il successo della titanica impresa va attribuito ex aequo a Martone – anche sceneggiatore insieme alla moglie Ippolita Di Majo –, alle suggestive musiche di Sasha Ring e a Germano, che si trasforma in Leopardi senza mai oltrepassare la linea di confine tra immedesimazione interiore e istrionismo gratuito. Culturalmente, sfata la vulgata scolastica del poeta gufo e musone, rendendoci un Leopardi verosimile, realista ironico e perfino ilare. Come è almeno probabile sia un uomo che pensi: “Tutto è ridicolo nella vita, tranne che ridere della vita”.

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.