Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Il buono, il brutto e il cattivo

23 gennaio 2017
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Il film di oggi è: Il buono, il brutto e il cattivo

Questa sera, su RaiMovie ore 21:20Il Morandini consiglia:

Il buono, il brutto e il cattivoIt. 1966GENERE: West. DURATA: 176′ (148′) VISIONE CONSIGLIATA: TCRITICA: 3,5 PUBBLICO: 5REGIA: Sergio LeoneATTORI: Clint Eastwood, Eli Wallach, Lee Van Cleef, Luigi Pistilli, Aldo Giuffré, Rada Rassimov, Mario Brega
Durante la guerra di Secessione (1861-65) il Biondo, bounty-killer un po' romantico, Tuco, vendicativo fuorilegge messicano, e Sentenza, cinico assassino a pagamento, si associano, senza alcuna fiducia reciproca, per recuperare un tesoro nascosto in un cimitero. Profanatore del western, il più tipico genere del cinema USA, ma anche risolutamente critico perché quasi sempre ha tradito la vera storia della nazione, trasformandola in mito, Leone chiude la “trilogia del dollaro” con il suo film più ambizioso e costoso, più ironico e beffardo. Non a caso l'ha scritto con Luciano Vincenzoni e Age & Scarpelli, grandi specialisti della commedia: il tema del denaro è sempre legato alla morte violenta, ai cadaveri; la guerra è un banditismo organizzato; non c'è differenza tra nordisti e sudisti: tutti e 3 i protagonisti (uno nel 1°, due nel 2° della trilogia) sono mossi dalla rapacità, pur in modi diversi. Prodotto dalla Pea di Alberto Grimaldi, incassò soltanto in Italia più di 3 miliardi di lire nella stagione 1966-67. Bisogna decidersi: Leone è un dissacratore o un mistificatore?

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.