Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Meduse

21 febbraio 2017
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Il film di oggi è: Meduse

Questa sera, su Rai5 ore 21:15Il Morandini consiglia:

MeduseMeduzot - La méduseIsr.-Fr. 2007GENERE: Comm. dramm. DURATA: 78′ VISIONE CONSIGLIATA: TCRITICA: 3,5 PUBBLICO: 3REGIA: Etgar Keret, Shira GeffenATTORI: Sarah Adler, Nikol Leidman, Noa Knoller, Ma-nenita De Latorre, Zahahira Harifai, Ilanit Ben-Yaakov
Tolto Amos Gitai, esule volontario in Europa, in 60 anni il cinema israeliano è stato abbastanza sterile, senza registi importanti e, comunque, non all'altezza della sua letteratura. Qualcosa si muove nel 2000. Dopo Dover Kosashvili (Matrimonio tardivo), arriva la coppia dei coniugi Geffen-Keret con un film più che interessante dove la guerra non è mai nominata, ma si può sentirla nel malessere dei personaggi, raccontato con una leggerezza disinvolta che attinge all'umorismo nero. Sono 3 storie che si alternano con ammirevole fluidità e 8 personaggi principali (di cui 7 femminili) abitanti a Tel Aviv-Giaffa. Tra loro c'è una bambina taciturna che esce dal mare e al mare ritorna, misteriosa e inesistente nel senso che appare nei ricordi dell'adulta Batya. In preda ai postumi di una commozione cerebrale, la vede come una proiezione di sé stessa durante un'infanzia infelice. Scritto e diretto dalla Geffen, regista di teatro, figlia del poeta Yehonatan e nipote del famoso generale e politico Moshe Dayan (1915-81), ma tratto da uno dei racconti di Pizzeria Kamikaze del marito che firma la regia, ma non la sceneggiatura. Il titolo allude alle meduse marine, sinuose e ondeggianti come il mare da cui nascono e che rappresenta l'inconscio, ma anche la paura. Girato in 27 giorni con postproduzione digitale.
AUTORE LETTERARIO: Etgar Keret

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.