Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Albert Nobbs

27 novembre 2017
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Il film di oggi è: Albert Nobbs

Questa sera, su Cielo ore 21:15Il Morandini consiglia:

Albert NobbsAlbert NobbsUSA-GB-Irl. 2011GENERE: Dramm. DURATA: 108′ VISIONE CONSIGLIATA: GCRITICA: 3 PUBBLICO: 3REGIA: Rodrigo GarcíaATTORI: Glenn Close, Mia Wasikowska, Aaron Johnson, Brendan Gleeson, Janet McTeer, Pauline Collins
Nel 1982 la Close fu protagonista a teatro di Albert Nobbs, storia di una donna che, nella povera Irlanda alla fine dell'800, si traveste da uomo per trovare lavoro come cameriere. Produzione off-Broadway, tratto da un racconto breve (1918) dell'irlandese George Moore, adattato e messo in scena da Simone Benmussa, lo spettacolo le valse elogi unanimi e un premio Obie. Quasi 30 anni dopo, la Close riprende il personaggio per farne un film ambientato a Dublino, da lei sceneggiato con l'irlandese John Banville e l'ungherese Gabrielle Prekopp. È il ritratto conturbante di una donna che ha perduto l'identità, dopo essere stata adottata bambina da una donna che le impose (pagando) di tacere sulla sua nascita, e poi stuprata a 14 anni. Il film ha un grave limite: racconta le conseguenze, non le ragioni del travestimento. Nobbs è spinto/a da un latente assillo per la normalità: sposarsi, metter su famiglia, trovare un'indipendenza economica e un decoro piccolo-borghese senza rinunciare alla maschera di un adulto maturo. È un espediente per nascondere la sua omosessualità. Girato soprattutto in interni, affidato al regista colombiano figlio del famoso romanziere Gabriel García Márquez, è un film irrigidito e un po' tetro, come la recitazione della Close, impregnata di un'aria malata, equivoca.
AUTORE LETTERARIO: George Moore

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.