Giochi linguistici

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Il gioco degli anagrammi

21 aprile 2014
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

 

_____________________________________________________________

 

Come spiega il Dizionario dei giochi, di Andrea Angiolino e Beniamino Sidoti l’anagramma è un gioco enigmistico che consiste nel permutare le lettere che compongono una parola (o una frase) in modo da formare una o più parole nuove (o una o più nuove frasi) di diverso significato. L’anagramma è di origine molto antica, tanto che se ne trovano esempi anche nella Bibbia che dell’anagramma e delle capacità combinatorie ha creato una vera scienza, la cabala. Di creare anagrammi si dilettarono anche antichi Greci e Latini. Gli anagrammi possono essere “semplici” (un vocabolo anagrammato dà vita a un altro vocabolo: collezionista/costellazione; Platone/Lepanto, polenta/pentola), “a frase” (una parola o nome dà vita a una frase: locandiera/l’ora di cena), “a scarto” (se si toglie una parola compresa da una composta da un maggior numero di lettere: Partenone-no/parente), o dar vita a una “frase anagrammata” (se una frase che viene anagrammata dà vita a una nuova frase: la Germania dell’est / le gesta della Marina). Nell’enigmistica popolare un anagramma può assumere la forma che segue, ove la soluzione del gioco è appunto una parola formata dal rimescolamento delle lettere dell’altra.

Borsa di studio
La scuola è prestigiosa, ma le rette
parecchio xxxxxxx. Solo sette
studenti hanno un xxxxxxx parziale
per meriti: c’è il bando sul giornale.
(Ludovico)

La soluzione è al fondo di questa pagina.

Caso particolare è l’anagramma onomantico, o anche onomanzia. L’operazione di anagrammare fa parte anche di altri giochi come il logogrifo (anagramma parziale).
Il nome deriva dal greco ana-, nel senso di “inversamente”, e gramma, cioè “lettera”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
chiave: onerose – esonero

 

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.