La parola al traduttore

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Quando un alfabeto non basta

1 febbraio 2012
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail
Print Friendly

 

La cartella del professore - copertina

Una delle difficoltà inerenti alla traduzione dal giapponese − oltre al dover rendere comprensibili usanze di vita quotidiana e abitudini mentali sconosciute a molti lettori − consiste nella complessità della scrittura di questa lingua. Sì, perché in giapponese di alfabeti ce ne sono ben tre: i kanji, gli hiragana e i katakana. Detto in maniera molto schematica, i primi − qualche migliaio − sono ideogrammi di origine cinese, cioè simboli grafici che rappresentano una cosa o un concetto. I secondi invece sono 46 caratteri che corrispondono ad altrettante sillabe e formano la desinenza variabile delle parole. Quanto ai katakana − sempre 46 − sono segni graficamente simili agli hiragana e foneticamente identici.
Ma perché mai − si chiederà qualcuno − creare un terzo alfabeto con le stesse caratteristiche del secondo?
Ebbene, al solo fine di scrivere i vocaboli importati da altre lingue! Ogni nome di persona, luogo, cibo, strumento o evento appartenente a un idioma straniero, viene trascritto con questi caratteri; quando in un testo, scorrendo le righe, si incontrano i katakana, si sa già che in quel passaggio viene nominato qualcosa di estraneo alla cultura tradizionale giapponese, che si tratti di un piatto di spaghetti, di un musicista tedesco o di una città americana. Sembra quasi una messa in guardia: attento, lettore, qui si sconfina in territorio ignoto.
Gradualmente, nella narrativa giapponese contemporanea, l’uso dei kanji, spesso sostituiti dagli hiragana di ben più facile lettura, è andato diminuendo. I katakana invece vanno conquistando terreno, perché nei romanzi odierni i riferimenti alla cultura occidentale − musica, cucina, moda − sono sempre più frequenti: in certe pagine di Murakami Haruki l’alfabeto riservato ai termini stranieri prevale addirittura sugli altri due. Come se non bastasse, succede che in un testo i katakana compaiano, per così dire, a tradimento, vengano cioè usati per scrivere una parola giapponese! È quel che mi è capitato con l’incipit del romanzo di Kawakami Hiromi, La cartella del professore. Che faceva così:

“Ufficialmente, è Matsumoto Harutsuna sensei Ma io lo chiamo sensei . Non sensei Non sensei . Sensei in katakana”.

La prima volta sensei era scritto in kanji, la seconda in katakana, la terza in hiragana, e la quarta di nuovo in katakana.
Cosa mai voleva dire?
La parola sensei significa “professore”, “insegnante”, “maestro”. È un termine carico di rispetto, di deferenza, lo si usa per indicare una persona dotata di autorevolezza. E lo si scrive in ideogrammi. Che senso poteva avere scritto in katakana? Acquisiva forse un valore diverso?
Provo a consultare la versione francese del libro: sensei è reso con la parola maître, “maestro”, che non mi serve perché in italiano designa un insegnante della scuola elementare, mentre il suddetto Matsumoto è professore di liceo; e scrivere “Maestro” con la M maiuscola sarebbe del tutto inadaguato alla situazione. Quasi meglio lasciare, nella versione italiana, il termine giapponese sensei in alfabeto latino, scelta per cui ha optato, mi dicono, il mio collega tedesco nella sua traduzione. Ma non mi soddisfa. Perché il bello del mio mestiere consiste proprio nel trovare, a forza di tentativi e ricerche, “la parola giusta”.
Mi viene in mente a quel punto che un mio amico giapponese, rivolgendosi alla moglie, la chiama sempre Mayumi sensei. Benché lei non sia insegnante, e tanto meno oggetto di deferenza da parte del marito.
Che la soluzione del problema si trovi nel “lessico familiare” di questa coppia?
Visto che i miei amici abitano attualmente a Milano, decido di consultare Mayumi e le telefono.
“Perché mio marito mi chiama sensei?” risponde lei ridendo quando le chiedo il significato di quell’appellativo. “Ma per prendermi in giro. In modo affettuoso, spero”. L’uso improprio del katakana – mi spiega poi – può essere scherzoso, canzonatorio. “Nel caso del tuo professor Matsumoto, è quasi irriverente.”
Un termine tra il canzonatorio e l’irriverente, forse anche un po’ affettuoso, per rivolgersi a un insegnante?
Prof!
Eccola la parola che cercavo!
Dopo prove e riprove, l’incipit del romanzo La cartella del professore, nella mia traduzione, alla fine suonerà in questo modo:
Ufficialmente, sarebbe il “professor Matsumoto Harutsuna”, ma io lo chiamo “prof”. Né signor professore, né professore, solo così: prof.
E “prof” resterà per tutto il libro.

©Antonietta Pastore

Commenti | 5 risposte

  1. Pingback: Terminologia etc. » » Nomi, “ordine orientale” e localizzazione

  2. Molto bello questo esempio delle connotazioni culturali legate ai tre diversi alfabeti giapponesi.

    Per coincidenza recentemente ho letto un estratto della traduzione inglese in Hiromi Kawakami – The Moon and the Batteries (GRANTA) e posso aggiungere che in inglese è stata fatta una scelta simile al tedesco:

    His full name was Mr Harutsuna Matsumoto, but I called him ‘Sensei’. Not ‘Mr’ or ‘Sir’, just ‘Sensei’. [...]
    (traduzione di Allison Markin Powell)

    La traduzione italiana è sicuramente molto più efficace!

    Ho riportato la traduzione inglese anche perché ho notato che i nomi propri giapponesi sono stati uniformati all’ordine “occidentale”, nome+cognome, mentre nell’esempio italiano (e nei nomi degli autori giapponesi citati) viene mantenuto l’ordine “orientale”, cognome+nome. Non ho molta familiarità con la letteratura giapponese e sarei curiosa di saperne di più su questa scelta: è una convenzione facilmente riconoscibile oppure, come mi domando nel post il cui link appare qui sopra, in alcuni contesti si possono creare situazioni che il lettore italiano, abituato a nome+cognome, potrebbe trovare ambigue?

    Grazie.

  3. Rispondo a Licia riguardo al problema dell’ordine in cui scrivere i nomi giapponesi. In Giappone si mette sempre prima il cognome e poi il nome proprio. In Occidente si tende sempre più a rispettare questa regola, soprattutto nelle traduzioni di testi originali. Il fatto che molti giornalisti, citando un autore, adottino invece l’ordine contrario – nome e cognome – crea però confusione, col risultato che i lettori finiscono col non sapere come chiamare gli scrittori. Si spera quindi che a poco a poco tutti, citando un nome giapponese, si uniformino all’usanza che vige in Giappone: cognome e nome. Quindi Murakami Haruki, Oe Kenzaburo, Kirino Natsuo, Ogawa Yoko…
    Grazie dell’attenzione, Antonietta Pastore

  4. Grazie per la risposta.
    Immagino che al lettore venga comunque chiarito che in Giappone vige una convenzione diversa, per evitare che applichi automaticamente la “regola” italiana e tragga conclusioni non corrette.

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.