Le Mot du jour

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

malade / garde-malade

11 maggio 2013
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: malade / garde-malade

malade /malad/
A agg.1 malato, ammalato: être malade du cœur, du foie, essere malato di cuore, di fegato; (fam., scherz.) être malade du cerveau, essere un po' tocco; (fig., fam.) tu es malade!, (tu) sei matto!; (fam.) il travaille comme un malade, lavora come un matto; (fam.) être malade comme un chien, comme une bête, stare molto male; (fam.) être malade à crever, star male da morire; (fig.) être malade de peur, morire dalla paura; être malade d'inquiétude, de jalousie, essere roso dall'ansia, dalla gelosia; tomber malade, ammalarsi; (fam.) se faire porter malade, darsi malato, marcar visita; manger à s'en rendre malade, mangiare a crepapelle; rire à s'en rendre malade, torcersi, sbellicarsi dalle risa; rien qu'à y penser, j'en suis malade, ça me rend malade rien qu'à y penser, al solo pensarci mi sento male; ce sale gamin me rend malade!, questo ragazzaccio mi fa impazzire! dent malade, dente ammalato; un esprit malade, una mente malata2 (fig.) malandato, malridotto: cette plante est malade, questa pianta è malandata; cette chaise est bien malade!, questa sedia è malridotta!
B s. m. e f.malato (m.), ammalato (m.), infermo (m.): malade mental, infermo di mente; un grand malade, un malato grave; c'est une malade imaginaire, è una malata immaginaria; l'état du malade empire, le condizioni dell'ammalato peggiorano
► garde-malade.
NOTE DI CULTURA: Le malade imaginaire (1673), ultima commedia di Molière, presenta tra l'altro acutissimi spunti satirici che, ridicolizzando i modelli di spiegazione della medicina tradizionale, preludono alla rivoluzione scientifica (► dormitive).

garde-malade /gaʀd(ə)malad/
s. m. e f. [pl. gardes-malades]infermiere (m.): garde-malade à domicile, infermiere a domicilio.

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.