La palabra del día

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

rezagar / rezagado

9 settembre 2013
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: rezagar / rezagado

Sección Español-ItalianoConjugaciónrezagar /rreθaˈɣar/
A v.tr.1 (dejar atrás) lasciare indietro2 (atrasar) rimandare, ritardare, rinviare: r. la apertura de un establecimiento rimandare l'apertura di un locale; r. una reunión rimandare una riunione
B rezagarse v.pron.(quedarse atrás) rimanere indietro: nos hemos rezagado en el trabajo siamo rimasti indietro col lavoro; nuestro país se ha rezagado mucho en la última década il nostro paese è rimasto molto indietro nell'ultimo decennio.

Sección Español-ItalianoDeclinaciónrezagado, rezagada /rreθaˈɣaðo, rreθaˈɣaða/
A p. pas. rezagar
B adj.(atrasado) arretrato, arretrata: una de las regiones más rezagadas del país una delle regioni più arretrate del paese
   quedar rezagado rimanere indietro: el sector de la economía que ha quedado más r. il settore dell'economia che è rimasto più indietro
C s.m., f.ritardatario, ritardataria: el conductor del autobús no quiso esperar a los rezagados l'autista dell'autobus non ha voluto aspettare i ritardatari.

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.